Dino Ignani. Dark Portraits – FlorenceRome 1982-1985

Dino Ignani. Dark Portraits – Florence/Rome 1982-1985

Museo Marino Marini, Firenze

A cura di Matteo Di Castro e Bruno Casini

“Nelle fotografie di Dino Ignani c’è tutta l’Italia degli anni Ottanta, giovane e giovanile, unica e plateale, incredibile e spettacolare. C’è soprattutto l’Italia del look in questa galleria di ritratti di ragazzi, c’è l’immagine della loro giovinezza, tensione, vitalità, confusione, improntitudine, gusto di vivere e paura di cadere.” Così Roberto D’Agostino, storico protagonista dei fermenti dell’epoca, racconta la ricerca che il famoso fotografo romano ha condotto nei primi anni Ottanta sui giovani frequentatori dei locali dell’universo sarà: una nuova estetica musicale, ma soprattutto un modo radicalmente diverso di apparire sulla scena sociale.

Più di 400 fotografie scattate da Dino Ignani tra video-bar, discoteche e feste private che documentano la trama creativa di nuovi stili di vita e che saranno esposte al Museo Marino Marini dal 23 luglio al 19 settembre nella mostra “Dino Ignani. Dark Portraits – Florence/Rome 1982/1985”, nell’ambito della rassegna Anni Hottanta Remix e all’interno della programmazione dell’Estate Fiorentina. Due le serie di immagini raccolte per la prima volta: quelle in bianco e nero, realizzate a Roma a partire dal 1982, e quelle a colori scattate a Firenze tre anni più tardi e mai esposte in precedenza.

Noto principalmente per i suoi ritratti di scrittori e poeti italiani, nella prima metà degli anni ’80 Ignani sviluppa un ciclo dedicato ai ragazzi che frequentavano la notte della capitale. Li invitava a farsi fotografare secondo un metodo preciso: inquadratura frontale, pellicola in bianco e nero, set preferibilmente neutro, minimo margine lasciato allo sfondo, tempo di posa contenuto. Il risultato è un archivio di centinaia di immagini che, dietro una rappresentazione apparentemente standardizzata e distaccata di quel mondo, coglie in realtà tutte le sfumature di un nuovo modo di essere e apparire.

A cavallo dell’onda lunga che il movimento punk aveva impresso alla scena musicale statunitense e britannica, anche in italia si assiste a un autentico Rinascimento musicale. Il paese si sveglia dal proprio torpore: post punk, synthpop, influenze elettroniche e scenari goth si intrecciano come un’unica urgenza comunicativa insieme al concetto di underground. Epicentri di questa autentica rivoluzione artistica due città: Bologna e Firenze. Iniziano così le storie di band quali Skiantos, Litfiba, Gas Nevada e Diaframma. Ignani intercetta il popolo dark e ne registra e valorizza i minimi dettagli: il trucco, gli accessori e le acconciature sono i grandi protagonisti delle immagini; gli stessi elementi che, successivamente, saranno riassorbiti dal mondo della moda. E direttamente da quest’ultimo provengono gli scatti realizzati per l’inaugurazione di “Firenze/Londra. Arte moda 1985” presso la storica boutique fiorentina Luisa Via Roma: una spettacolare serie di ritratti, che il fotografo scelse di realizzare in diapositive a colori, dove è possibile riconoscere diversi protagonisti della creatività dell’epoca.

La mostra è a cura di Matteo Di Castro e Bruno Casini e il progetto espositivo dello studio POMO.
Inaugurazione giovedì 21 luglio a partire dalle 19, alla presenza del fotografo. Nell’occasione verrà allestito un set fotografico per uno shooting che coinvolgerà tutti i presenti. Ingresso su invito.

Museo Marino Marini
P.zza San Pancrazio, Firenze
+39 055 219432, prenotazioni@museomarinomarini.it, museomarinomarini.it
Orari: sabato, domenica e lunedì 10-19
Biglietti: intero 10 €, ridotto 6 €