Skip to content
Jonathan Monk The Void, 2013 Marble, metal wall fixing cm. 29.5 x 130 x 6.2

Jonathan Monk. Umbilicus and The Void

LOOM Gallery, Milano

Umbilicus and The Void è la terza mostra personale negli ultimi tre anni (dopo F.I.N.G.E.R.S. e T.H.U.M.B.) che Jonathan Monk inaugura da LOOM gallery. In mostra sono presenti due sculture in marmo di Carrara; una appesa al muro nella prima sala all’ingresso, l’altra appoggiata su un piedistallo nella seconda sala.

La prima, dal titolo The Void, si riferisce ad un oggetto reale: il portellone del pianale di carico di un’Ape Piaggio. L’opera prende spunto da una conversazione udita per caso, tra allestitori di galleria, i quali si chiedevano se un’opera della serie Void di Anish Kapoor fosse entrata nel retro del veicolo. Anche il nulla ha una dimensione relativa e l’Ape Piaggio sembra sempre in grado di ospitare tutto, se disposto con cura.

Umbilicus è la quinta tessera di un ampio puzzle scultoreo che tenta di ricomporre la parte non visibile della scultura L.O.V.E. di Maurizio Cattelan. Le tre dita e il pollice sono già state trovate nelle precedenti mostre da LOOM gallery. Anziché proseguire verso il braccio, Monk ha optato per una connessione generazionale, un taglio si letterale che fisico. La scultura è la riproduzione di un ombelico, forma certamente figurativa ma fortemente astratta una volta rimossa dal proprio contesto. L’opera si basa su qualcosa che possiamo solo immaginare: l’enorme figura imponente di Cattelan. Forse compaiono anche dei riferimenti ai Void di Kapoor, ma questo è un caso.

Jonathan Monk (Leicester 1969) vive e lavora a Berlino. Negli ultimi anni ha tenuto mostre personali al Center for Contemporary Art, Berlino, Germania (2018), Vox, Montreal, Canada (2017); The Gallery presso la De Montfort University, Leicester, Regno Unito (2017); Kunsthaus Baselland, Muttenz, Svizzera (2016); MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma, Roma, Italia (2015). Il suo lavoro è stato incluso in numerose mostre collettive ospitate al Centre Pompidou, Parigi, Francia (2019), alla Staatliche Kunsthalle Baden-Baden, Baden-Baden, Germania (2018), all’Accademia americana di Roma, Italia (2017), al Museo of Contemporary Art, Cleveland, USA, alla Whitney Biennial (2006), alla 50a e 53a Biennale di Venezia (2003, 2009), alla Biennale di Berlino (2001), alla Biennale di Taipei (2000) e molte altre. Umbilicus and The Void è la sua quinta mostra in Loom Gallery.

LOOM Gallery
Via Lazzaretto 15, Milano
+39 339 50 36 557, press@loomgallery.com, www.loomgallery.com
Orari: martedì – sabato 14 – 19
Ingresso gratuito

Copertina: Jonathan Monk, The Void, 2013. Marble, metal wall fixing cm. 29.5 x 130 x 6.2