Liza Ambrossio – The witch stage

Liza Ambrossio. The witch stage

OPR Gallery, Milano

Nei miei ricordi, so di aver visto in televisione i volti di un gruppo di donne isteriche. Ero ancora alla scuola elementare. Erano madri da qualche parte nel nord del Messico. Soffocavano le parole mentre piangevano perché le loro figlie erano scomparse. Erano state rapite e uccise. Quelle ragazze erano state attirate da annunci sui giornali e nelle strade delle loro città che cercavano donne giovani, magre, alte e belle. Sono diventate un catalogo di bellezza necrofila. Offerte per essere molestate, umiliate e violentate anche dopo la loro morte. Mentre venivano registrate in home video da cittadini o stranieri, che sceglievano le loro vittime da una foto in un catalogo e pagavano i loro rapitori grandi somme per realizzare i loro desideri più ripugnanti”. Liza Ambrossio

Liza Ambrossio (1993, MX-FR) è un’artista multidisciplinare che vive e lavora principalmente tra Spagna, Francia e Messico. Ha iniziato la sua pratica artistica all’età di sedici anni quando ha chiesto a una domestica della casa di sua madre di rubare le fotografie dagli album di famiglia nel tentativo di ricercare tracce di un passato oscuro di cui non sembrava esserci traccia. Allo stesso tempo, nella sua nativa Città del Messico, Ambrossio ha ritratto il suo passaggio dall’adolescenza all’età adulta cercando il modo di sopravvivere a distanza durante un caotico e tempestoso processo di emancipazione dalla sua famiglia. Dopo il suicidio del suo compagno di stanza e migliore amico dell’adolescenza, ha ereditato il suo lavoro come fotografo della “nota roja” (stampa della polizia), coprendo omicidi, incidenti e torture dei trafficanti di droga per un giornale locale. Ambrossio intraprende un viaggio di scoperta psichica e fisica inondato da perturbazioni, magia, traumi, sogni e visioni. In questi momenti, scopre che l’inferno dentro contiene lo stesso inferno che esplode fuori.

Dopo aver concluso i suoi studi universitari in Politica alla Facultad de Ciencias Politicas y Sociales della U.N.A.M., Città del Messico, specializzandosi in giornalismo politico e cinema alla U.T. (U.S.A.), ha ricevuto molteplici borse di studio negli Stati Uniti e in Europa, tra cui; la borsa di studio Descubrimientos per il Master in Fotografia e progetti artistici al PIC. Una scuola premiata dal festival PHotoEspaña e dalla casa editrice La Fabrica di Madrid, Spagna.

Il suo universo respira un vero e proprio tentativo di comprendere i poteri e le debolezze della mente come un modo per scrutare l’esperienza umana, che attraversa il tempo passato, presente e futuro. Ambrossio sta incorporando simboli che alludono alla stregoneria, ero guro, mitologia, ricordi e leggende che mescola con la sua narrativa scritta, sculture fotografiche, libri fotografici, oggetti, installazioni, suoni, dipinti, disegni, performance e video che unisce per libera associazione, schemi promossi dalle sue stesse teorie relative alla manipolazione psicologica e la sua influenza sulla continuazione o rottura del potere professato dalle diverse strutture sociali. I loro approcci hanno un rapporto intenso ma anarchico con il caso e l’istinto e implicano la destabilizzazione dei canoni femminili che minacciano la possibilità di superare i limiti etnici, sessuali, morali, religiosi e politici.

Autrice di “The rage of devotion – La ira de la devoción “edito da La Fabrica, considerato dal British Journal of Photography e da El País come uno dei libri fotografici più esaltanti e rischiosi dell’anno 2018, il suo lavoro è stato esposto in Europa, Stati Uniti, Corea del Sud, Malesia e Messico. Compresi luoghi come la Somerset House nel Regno Unito, Palazzo Palmieri in Italia, il Göteborgs Konstmuseum in Svezia, il Museo di Arte Contemporanea (MACQ) in Messico, il Museo di Arte Contemporanea di Zagabria (msu) in Croazia, il Museum National of Contemporary Art (ΕΜΣΤ) in Grecia e Casa de America in Spagna all’interno della selezione ufficiale di PHoto España 2021; oltre che a fiere internazionali come Art Basel, Arco, Photo London, UNSEEN, Zona Maco e JustMad. L’immaginario di Ambrossio è stato recensito da Art Nexus, The British Journal of Photography, The Magnum Foundation, El País, Babelia, El Mundo, Der Greif, GUP, Unseen magazine, Vogue Italia, L’Officiel, El universal, Fire-cracker e Lens Culture. Ha ricevuto il premio FNAC Nuevo Talento in Spagna, Voies Off ad Arles, Francia lo stesso anno 2018, il Flash Forward in Canada, il PhEST in Italia e il PHmuseum New Generation Grant nel Regno Unito durante il 2019. Nel 2020 è stata premiata dalla residenza annuale di fotografia del Musée du Quai Branly – Jacques Chirac a París, Francia. Ambrossio è attualmente membro dell’Académie française, inoltre è stata recentemente nominata per il prestigioso Prix Pictet in Svizzera e quest’anno ha presentato il suo secondo libro fotografico “Blood Orange – Naranja de Sangre” con l’acclamata casa editrice tedesca Kehrer Verlag.

OPR Gallery
Viale Corsica 99, Milano
+39 02 48516425, info@oprgallery.it, oprgallery.it
Orari: lunedì – venerdì 14.30 – 18.30
Ingresso gratuito