Skip to content
Richter Fine Art_Luca Grechi_Il Nervo_photo credits Giorgio Benni

Luca Grechi. Il nervo

Richter Fine Art, Roma

La galleria Richter è lieta di presentare martedì 24 Gennaio la nuova mostra personale di Luca Grechi Il nervo, con una nuova serie di dipinti e disegni, in mostra fino al 10 Marzo, che rappresentano l’ultimo periodo evolutivo dell’artista.

Dopo la breve anticipazione della precedente mostra, Questo adesso, doppia personale insieme a Giulio Catelli; Il nervo presenta un nuovo ciclo pittorico di Grechi, in cui le opere si sostituiscono alle parole che si materializzano in una forma percepita, esaltandone una risposta silenziosa.

“La pittura di Grechi – scrive Maria Vittoria Pinotti nel suo testo critico – si presenta come un insieme di contraccolpi tonali, palesati per affinità elettive. L’artista per raffigurare un paesaggio, altrimenti un estratto di natura, cerca di fissare a priori un’atmosfera, sempre definita da un’aria distillata in una leggera nebbia o in una evaporata rarefazione. Nei lavori in mostra, si scopre una nuova fase di ricerca, generata dalla riscoperta della luce, limpida come una rivelazione verso il sé chiuso, il velato. È come se la luminosità alterasse e definisse le fattezze di sereni rifugi, appena schiusi ai nostri occhi dietro sottili veli che si sollevano per poi ricadere con memorabile lievità”.

“Immagino sempre – afferma l’artista – vedendo un mio lavoro in corso le mille possibilità che potrei affrontare, noto sempre più nel tempo, che l’equilibrio tra freschezza e coraggio può essere la strada, nonostante il rapporto complesso con il processo dell’opera, al momento è la via più compiuta che conosco per arrivare a quella non conoscenza. Andare verso una parte sconosciuta è ciò che mi rende magico il lavoro, seppur un istante, seppur quell’intuizione nasca nella mente o nel gesto si porta dietro tutto un infinito”.

Con il titolo “Il nervo”, l’artista intende un momento di ascolto. Quella sensazione tipica, soprattutto durante l’infanzia o in adolescenza, quando si inizia a sentire quel brio anatomico in alcuni punti nervosi del corpo, quell’attimo in cui il corpo risponde a determinati stimoli.

Quel brio emotivo oltre che anatomico si rispecchia nel modo di fare di Grechi nel momento di risoluzione, di passaggio, legato normalmente al problema pittorico ed estetico.

Luca Grechi nasce nel 1985 a Grosseto, vive e lavora a Roma. In relazione al suo divenire gli equilibri e pensieri che si depositano sulla tela creano una pausa senza tempo che non definisce ma presenta un’attesa. Queste infinite possibilità si manifestano nella sua pittura con quel silenzio e rumore in contrasto continuo, alla ricerca di una convivenza. Tra le mostre personali più recenti: Open (Galleria La Linea, 2022, Montalcino) – Laggiù è qui (Galleria Davide Paludetto, Torino, 2021) – Mi frulla in testa un’isola (Galleria Richter Fine Art, Roma, 2021) – Apparire (Galleria Richter Fine Art, Rome, 2019) – C’è una volta (Galleria Richter Fine Art, 2017, Rome) – In-Finito (Galleria La Linea, 2016, Montalcino) – Un sasso sul mare #2 (Sala Santa Rita, 2016, Rome). Tra le mostre collettive più recenti: Camera Tripla (LABS Contemporary Art, Bologna, 2022) – Ante Operam (pianobi, Palazzo Marescalchi Belli, Roma, 2022) – Materia Nova (GAM, Galleria Arte Moderna, Roma, 2021-22) – Carta coreana, Hanji (Museo Carlo Bilotti, Roma, 2021-22) – La linea retta non appartiene a Dio (Contemporary Cluster, 2021) – La Comunità inoperosa  (Palazzo Ducale, Tagliacozzo, 2021) – Due quadri e un tavolo (Galleria Richter Fine Art, Roma, 2020) – Futuro Primitivo (Palazzo Storico Comunale di Montalcino, 2019) – Sottobosco (Muzeul National de Arta, Cluj-Napoca, 2018) – It Was not me (Wonder-Liebert, 2018, Paris) – Forever Never Comes (Museo Archeologico della Maremma, 2017, Grosseto) – Non amo che le rose che non colsi (Galleria Richter Fine Art, 2016, Rome) – Asyndeton (Castello di Rivara, 2016, Rivara, To) – L’Uomo, Il Suono, La Natura (Terravecchia, 2016, Campania) – I Materiali della pittura (Il Frantoio, 2016, Capalbio) – Iconologia Onirica (Galleria La Linea, 2015, Montalcino) – The Grass Grows (Basel, 2014). Nel 2016 espone al Mac di Lissone in occasione del Premio Lissone.

Luca Grechi, courtesy l’artista

galleria Richter Fine Art
Vicolo del Curato 3, Roma
+39 3400040862, info@galleriarichter.com, www.galleriarichter.com
Orari: dalle 15.00 alle 19.00 dal lunedì al venerdì
Ingresso gratuito

Ufficio stampa: Chiara Ciucci Giuliani
Copertina: Richter Fine Art, Luca Grechi, Il Nervo, photo credits Giorgio Benni