Simone Pellegrini. Escaptura, 2022

Simone Pellegrini. Escaptura

Parco Poesia Pascoli, San Mauro Pascoli (FC)

A cura di Arianna Bargellini per Atlantide

Escape-cattura. Da un festina lente, un gioco barocco, prende nome il lavoro di Simone Pellegrini esposto a Villa Torlonia – Parco Poesia Pascoli dal 9 luglio al 4 settembre. Un pensiero che morde se stesso, traccia un collasso tra genesi e rivoluzioni nei sudari dei suoi parati. Un pensiero che fa rizoma, non mette radici ma penetra in orizzontale, pensa la superficie, inseguendo le linee di fuga di brodi primordiali e turbolenze molecolari.
Alti contagi, Inaudito devoto, Usuato droma sono Biblia Pauperum di un’arte venatoria che bracca corpi e creato.
Il suo atlante delle nuvole inscena vigorose solitudini e mirabili visioni, selve oscure e affamanti incontri di Diana e Atteone. Carte e terre e impressioni all’olio lavorano nel dispensario di Pellegrini e un limbo di matrici svolate, cadute, che dando la vita la perdono.

Simone Pellegrini nasce ad Ancona nel 1972. Vive e lavora a Bologna, dove insegna Pittura all’Accademia di Belle Arti. Nel 2003 con la personale Rovi da far calce inaugura una lunga stagione di mostre in Italia e all’estero. È rappresentato dalla Galerie Gugging di Vienna e dalla Cavin-Morris Gallery di New York che nel 2022 ha ospitato la sua recente personale Turning Point.

Parco Poesia Pascoli
Villa Torlonia, Sala delle Tinaie
Via Due Martiri 2, San Mauro Pascoli (FC)
0541 936070, parcopoesiapascoli@comune.sanmauropascoli.fc.it, parcopoesiapascoli.it

Sabato 16 luglio, ore 18.30 Simone Pellegrini in dialogo con il critico Michele Pascarella (Gagarin Orbite Culturali).

Esposizione organizzata da Atlantide e Sillaba per Villa Torlonia Arte, con il patrocinio del Comune di San Mauro Pascoli e in partnership con Santarcangelo dei Teatri.